QUALI STRADE PER
LA FOTOGRAFIA

nella cultura visiva DEGLI ULTIMI VENT'ANNI

Corso di Fotografia Contemporanea - con Luca Panaro

DAL 18 MARZO | ONLINE

CON LUCA PANARO

© Alessandra Spranzi / Galleria P420

IN BREVE

Quante strade si possono percorrere all’interno della fotografia contemporanea? Molteplici ovviamente. All’interno di questo corso Luca Panaro ne affronterà cinque, alcune ormai battute, altre ancora da attraversare a dovere, spesso lasciate ai margini delle narrazioni ufficiali proprio a causa del loro discostarsi dai “generi della tradizione”. Sarà quindi una ricognizione “in tempo reale”, amplificata dalla velocità con cui si avvicendano i cambiamenti che contraddistinguono la nostra contemporaneità, con focus sulla fotografia ma sguardo, per estensione, anche su altre espressioni artistiche (video-arte, cinema sperimentale, new media etc.). La sfida sta tutta – proprio – nella rapidità delle correnti che andremo ad esaminare: l’obiettivo guardare all’oggi sondando i nuovi terreni del presente.

CINQUE PER CINQUE 

 

  • REALTÀ – Come spettacolo quotidiano che si svolge all’interno delle mura domestiche, scelto a soggetto da alcuni fotografi pionieri così come dalle generazioni più recenti: da Larry Clark e Nan Goldin, alcuni degli autori che hanno battuto questa strada negli ultimi vent’anni.
  • ARCHIVIO – Come luogo da cui prelevare fotografie preesistenti depositarie di significati ancora da scoprire: dalle opere di Alessandra Spranzi e Joachim Schmid alla “febbre d’archivio” degli ultimi decenni (e ancora oltre?).
  • FINZIONE – Nella documentazione di mondi fittizi che soltanto il mezzo fotografico può trasformare in future verità: dai lavori di Thomas Demand e Paolo Ventura ai tanti giovani che oggi seguono questa strada.
  • PERIFERICO – Come campo d’indagine tipicamente italiano, un’area d‘azione che consente agli artisti di riscoprire la propria identità culturale, con rinnovato interesse nei confronti della loro terra d’origine; tra gli esempi: Fabrizio Bellomo e Luigi Presicce.
  • SUPERFICI – Come nuovo territorio dell’immagine nell’epoca dei social media: la fotografia è uscita da ogni cliché, ha reciso il cordone ombelicale con la realtà, a favore di inquadrature strette, dalle cromie alterate e innaturali; tra gli esempi: Matteo Cremonesi e Taisuke Koyama.

COME E QUANDO

Il corso inizierà giovedì 18 marzo 2021 e si terrà interamente online, di giovedì dalle 20:30 alle 22:30, con classe virtuale in Zoom per un totale di cinque lezioni (ultima lezione: 15 aprile 2021). Le registrazioni saranno rese disponibili ai partecipanti per 9 giorni a partire dal giorno successivo all’incontro. Materiali e link saranno raccolti in un Drive dedicato e condiviso. Si consigliano inoltre i titoli inseriti nella bibliografia di riferimento. Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione a tutti coloro che avranno frequentato. 

BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

L.Panaro, Realtà e finzione nell’arte contemporanea, Enciclopedia Treccani XXI secolo 2010

L. Panaro, Tre strade per la fotografia, Apm 2011 (ultime copie)

L.Panaro, Un’apparizione di superfici, Apm 2017

L.Panaro, La fotografia oltre la ripetizione, Danilo Montanari 2019

A CHI SI RIVOLGE

Il corso, in formula frontale e dialogica, si rivolge a chiunque voglia approfondire temi e autori della fotografia contemporanea.  

COSTO E ISCRIZIONE

Il costo per l’intero ciclo è di 200€

+ 25€ di tesseramento obbligatorio a Spazi Fotografici APS per chi non è già associato


Per l’iscrizione è necessario inviare un’email con oggetto “Richiesta d’iscrizione – Luca Panaro” a [email protected] entro il 9 marzo 2021

Luca Panaro Ritratto Spazi Fotografici Scuola ed eventi di fotografia https://spazifotografici.it/wp-content/uploads/2021/02/cropped-favicon-spazi-fotografici_nerobianco.png

LUCA PANARO

Luca Panaro (Firenze 1975) è critico d’arte, curatore e docente – all’Accademia di Brera, all’Accademia di Belle Arti di Bologna e alla Scuola di Alta Formazione di Fondazione Modena Arti Visive. Tra i suoi libri: L’occultamento dell’autore (Apm 2007), Tre strade per la fotografia (Apm 2011), Conversazioni sull’immagine (Montanari 2013), Casualità e controllo (Postmedia 2014), Visite brevi (Quinlan 2015), Photo Ad Hoc (Apm 2016), Un’apparizione di superfici (Apm 2017), Dialoghi brevi (Quinlan 2018), La fotografia oltre la ripetizione (Montanari 2019). Ha pubblicato su Enciclopedia Treccani XXI Secolo il saggio Realtà e finzione nell’arte contemporanea (2010), co-curato l’opera in più volumi Generazione critica (Montanari 2014-2017) e le due edizioni di Effimera (Apm 2016-2017), oltre a una serie di cataloghi e monografie su artisti contemporanei. Dal 2010 è direttore artistico di Centrale Festival a Fano. Nel 2013 ha fondato a Milano il progetto didattico Chippendale Studio. Dal 2019 è coordinatore del comitato di consulenza di The Phair a Torino. Dal 2020 tiene una rubrica di Libri d’artista su Instagram TVwww.lucapanaro.net è il suo sito. 

NB. Tutti i partecipanti possono, eventualmente, ritirare la richiesta d’iscrizione e chiedere rimborso (esclusa quota associativa) sino all’8 marzo 2021 

La richiesta è stata inviata con successo!

Verifica di aver ricevuto la conferma anche nella tua casella di posta

(controlla anche lo spam)